Via libera dall’Assemblea Legislativa regionale all’assestamento di bilancio, una manovra post Covid che attiva 330 milioni di euro e prevede anche un milione di euro proprio nel bolognese per il Comune di Medicina ex zona rossa. “Risorse straordinarie che confermano la volontà di una Regione di voler ripartire al fianco delle sue comunità – commenta la consigliera regionale Pd Francesca Marchetti –. L’Emilia-Romagna a guida centrosinistra sta facendo di tutto per sostenere chi ha sofferto maggiormente questa emergenza. Per essere veramente in grado di garantire la tutela sociale ed economica abbiamo voluto pensare anche alle nuove generazioni, che rappresentano la linfa per la crescita futura”.

La consigliera dem entra nel merito di due importanti azioni politiche a sostegno dell’adolescenza e della disabilità. “Abbiamo infatti presentato ed approvato alcuni emendamenti e ordini del giorno collegati al bilancio, tra cui la richiesta di destinare 1,5 milioni di euro agli adolescenti. Ritengo infatti che lo sviluppo dei nostri territori passi proprio dall’attenzione che le istituzioni riservano ai giovani. Valorizzare il protagonismo giovanile nelle scelte politiche è un valore aggiunto della nostra Regione e del Partito Democratico che da sempre puntiamo a garantire. Credo inoltre che rafforzare ulteriormente l’impegno già preso attraverso il Piano regionale pluriennale per l’Adolescenza e il piano sociale e sanitario regionale rappresenti un modello di welfare proprio di questa Regione”. Riguardo al tema della disabilità Marchetti aggiunge: “Mettere in campo un piano per la disabilità, attraverso un’analisi istruttoria che punta a rafforzare le risorse regionali e la collaborazione tra territori, distretti socio-sanitari e tutti i livelli istituzionali coinvolti, con particolare attenzione all’inclusione scolastica degli studenti, è il senso dell’ordine del giorno approvato dalla maggioranza in consiglio regionale. Con questo atto politico ribadiamo con forza come la nostra Regione non intenda lasciare indietro nessuno, soprattutto in questa fase di ripartenza”.