Durante la discussione in Aula dedicata alla legge regionale sullo sport, abbiamo discusso ed approvato due ordini del giorno da me sottoscritti e dedicati ad alcuni degli aspetti citati nella nuova disciplina regionale.

In particolare ho presentato come prima firmataria un ordine del giorno, condiviso anche con altre forze politiche oltre al Partito democratico, per impegnare la Giunta dell’Emilia-Romagna ad avviare e sostenere, in accordo con Ufficio Scolastico Regionale, la sperimentazione di un progetto pilota triennale che valorizzi e incrementi il numero delle ore di attività motoria nella scuola primaria. Più in generale intendiamo anche sollecitare il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca a sostenere e potenziare l’insegnamento dell’ attività motoria e sportiva nella scuola primaria.

Sono infatti convinta che per consolidare il ruolo dello sport come strumento di prevenzione e benessere, si debba proprio partire dal mondo della scuola. Lì si gettano anche le basi per rafforzare la spinta motivazionale a praticare attività motorie con continuità e quindi con risultati di lungo periodo rispetto al benessere psico-fisico delle persone.

Con il secondo ordine del giorno che ho sottoscritto e che è stato approvato, abbiamo impegnato la Giunta a definire i criteri e le modalità per la concessione di borse di studio al fine di valorizzare gli atleti emergenti emiliano-romagnoli che si sono contraddistinti per merito nel rendimento scolastico. Un sostegno quindi ai più meritevoli per favorirne il coinvolgimento sia sul piano atletico-sportivo, sia su quello dello studio e della formazione.